Passa ai contenuti principali

L'astronauta perduto



 
TITOLO: L’astronauta perduto
AUTORE: Andrea Tagliaferri
GENERE: Fantasy
CASA EDITRICE: Eclittica

TRAMA
"È la storia di un gatto che si morde la coda e di una coda morsa da un gatto. È una storia senza né capo né coda, un rincorrersi circolare che non porta da nessuna parte: è appunto un circolo vizioso. Coloro che prima di voi hanno letto questa storia, non ne hanno più fatto parola: deduco che siano rimasti senza parole. Ma che storia è mai questa? È la storia di un garzone di bottega che ama scrivere e che trae ispirazione dalla quotidianità che lo circonda. Il protagonista è alle dipendenze del padre nella bottega di famiglia, ma vuol fare lo scrittore, studia all'università ma con scarsi successi, cerca Dio su di un monte contemplando un lago, fuma erba per sentire la voce dei suoi cani e dorme supino. È fidanzato con una ragazza bellissima e convivono. Poi, una notte, dopo essere inciampato, una luce lo avvolge e tutto cambia. È una storia triste che fa sorridere, o una storia divertente che fa piangere e pensare: a voi la scelta." (L'autore)

RECENSIONE
La vita è un viaggio.
Non sappiamo dove ci porterà, cosa ci riserverà, ma è un viaggio unico e speciale.
Questo è il punto di partenza di questo libro, ambientato nel 2012 dove sull’orlo di un’ipotetica fine del mondo e con Hume sempre nella testa, il protagonista si addentra in un viaggio fisico e simbolico per cercare se stesso, un senso alla sua vita confusa e incasinata.
Che dire?
La storia in sé funziona, ricorda un po’ il film di Sean Penn “Wild” dove anche il protagonista intraprendeva un lungo viaggio per cercare se stesso.
Lo stile non manca di ironia, è graffiante e la narrazione è scorrevole e anche divertente in alcuni punti (ottima cosa, così si bilancia coi momenti più riflessivi).
Però, almeno per me, c'è appena un minuscolo però.
Il primo riguarda la scelta della figura narrante, ma quello è un problema solo mio perché fatico a leggere le storie scritte con la forma verbale dell'indicativo presente.
Niente toglie alla qualità del libro che è ottima, intendiamoci.
E infatti non mi sento assolutamente di sconsigliare il libro, anzi lo consiglio di cuore perché è molto emozionante.
Se quindi avete bisogno di riflettere sulla vostra esistenza e anche di sorridere un po', ecco un buon libro da leggere!

“E allora ascolto incuriosito, per niente basito, assolutamente non sorpreso.
Parlano e sono tutti felici che qualcuno abbia nuovamente voglia di ascoltarli.
Fantastico. È fantastico fantasticare.”

GIUDIZIO
Fantasticamente consigliato!

Commenti

Ottimo racconto fantasy.
Saluti a presto.
Melinda Santilli ha detto…
Ciao, Penny!
Non conosco l'autore ma il libro sembra interessante, grazie per il post :-)
Sugar Free ha detto…
@Cavaliere Oscuro del web e Melinda Santilli
Grazie per i vostri commenti!
ZeroZero ha detto…
Ora capisco tante cose... compreso il nostro scambio "vivace" sul post de "I Ritrovati" riguardante le recensioni.

Prima di tutto, vorrei dissociarmi da queste persone, con le quali il blog "I Ritrovati" non ha mai avuto a che fare - salvo essere preso a sua volta di mira nel post della stessa Piediscalzi.

In secondo luogo, direi che qui il timore di dire pane al pane non manca...

Buona giornata.

Post popolari in questo blog

Dragonfly: la prossima a morire

Complice la neve