Passa ai contenuti principali

Vorrei stringerti a Parigi




TITOLO: Vorrei stringerti a Parigi
AUTORE: Carragh Sheridan
GENERE: Romantico
CASA EDITRICE: Amazon

TRAMA
Parigi, la città dell'amore, la città degli innamorati per eccellenza. Come si può non desiderare di stringersi a Parigi? Magari sotto la Tour Eiffel oppure passeggiando lungo le rive della Senna in un tiepido pomeriggio di primavera?
Gérard Dupret vive a Parigi nel suo elegante appartamento che si affaccia sulla Tour Eiffel, ama cucinare e coltivare le sue rose sulla splendida terrazza. È un uomo di successo grazie alla sua avviata e rinomata gioielleria sugli Champs-Élysées. È ricco, affascinante e crea gioielli rari e unici per le sue prestigiose clienti che vengono da tutta Europa. Una vita all'apparenza perfetta se non fosse per quel sordo e costante dolore che fa soffrire la sua anima, il dolore per un amore impossibile.
Amélie Lagrange lavora come commessa nella prestigiosa gioielleria Dupret da due anni ed è bellissima. Dotata di due occhi verdi che ricordano due smeraldi purissimi. Due occhi che sono il tormento per il cuore di Gérard da quando lei è entrata nella sua esistenza. E come se non fosse sufficiente l'averla sotto gli occhi tutti i giorni senza poterla nemmeno toccare in quella primavera tardiva mentre la pioggia ancora bagna la città simbolo dell'amore il cuore di Gérard è destinato a un altro duro colpo perché Amélie ha deciso di fidanzarsi con Lucas... se almeno il destino gli concedesse anche solo di stringerla...
La sofferenza di un amore soffocato, il tormento di una passione non vissuta, una confessione inaspettata in una struggente lettera d'amore, sotto il cielo di una primavera parigina che risveglia i cuori aprendoli all'amore.

RECENSIONE
Gérard e Amélie sono ai poli opposti.
Posata e riflessiva lei, impulsivo e determinato lui. Si conoscono da due anni, lavorano insieme e fra loro ci sono tutti i presupposti per una relazione che potrebbe andare al di là di un rapporto professionale.
Ma come al solito c’è un “ma” e in questo caso consiste nel fatto che tutti e due sono degli “imbranati emotivi” ovvero sono entrambi troppo concentrati su se stessi, sui rispettivi dubbi, temono il giudizio altrui e non si rendono conto della reciproca attrazione.
E la cosa non mi sorprende perché oggi, nell’era social, anche tantissimi dei miei amici sono così: è come se la modernità, tutta questa condivisione di se stessi abbia in realtà creato un blocco emotivo.
E la Sheridan, con la sua grande sensibilità, coglie al volo l’occasione per affrontare il problema e lo fa con una lettera che Amélie riceverà e che la metterà di fronte ad una scelta: lasciarsi andare all’amore oppure no?
Mentre vi tarlate la mente con questo dubbio, io vi parlo dello stile del romanzo che è fluido, piacevole da leggere, scorrevole e anche divertente in certe scene che riguardano i dubbi di Amélie.
Parigi, città che amo molto, è descritta molto bene e questo è un punto in più!
Pecche? Forse solo il fatto di non aver parlato troppo a lungo del passato dei protagonisti, ma è anche giusto così perché lascia al lettore la fantasia di immaginare cosa sia successo fra loro.

“Grosse gocce d’acqua stavano scendendo dal cielo bianco di Parigi e le persone si affrettavano per la strada, tre piani più sotto, per poter trovare un riparo prima che le rare gocce diventassero un vero e proprio acquazzone.
«Tu che dimentichi di puntare la sveglia?» Valérie alzò i suoi occhi azzurri sulla sorella maggiore.
«Ho fatto tardi – riprese l’altra addentando un pezzo di croissant – e quando sono rientrata non ero sola».
Detto ciò uscì precipitosamente dalla piccola cucina in legno scuro lasciando Valérie a bocca aperta.”

GIUDIZIO
Non male, davvero non male!


Postilla finale: questo e l’altro mio blog sono luoghi tranquilli, dove si parla di libri. Io sono una persona tranquilla e non mi piace che due blogger minorati si divertano a inserirmi in una strana lista di clonatori solo perché sono amica/conoscente virtuale di autori di libri fra i quali sono presenti alcune persone che questi due “intelligentoni” stanno prendendo di mira.
Meno ancora mi piace che tanta gente si volti dall’altra parte senza spendere nemmeno due righe contro queste persone.
Ma non importa, di “coraggiosi” e “intelligentoni” che si sentono forti solo a far del male agli altri a quanto pare è pieno anche il mondo virtuale.
 


Commenti

Il Mondo di SimiS ha detto…
Bella recensione e mi piace molto anche la trama... è vero i social hanno ristretto i rapporti sociali veri!
Sugar Free ha detto…
@Il Mondo di Simis
Secondo me, e pensa che io non metto il romance in testa alle mie classifiche, è un libro davvero carino.

I social purtroppo danno tanti problemi, soprattutto poi se c'è chi si diverte a usarli per sparlare male degli altri.
Morgana Lefay ha detto…
Ogni tanto sognare fa bene all'anima. Accattivante la trama e ottima la recensione, questo libro finisce nella mia lista.
Non so cosa sta accadendo ma trovo squallido questo comportamento, come blogger mi dissocio da queste persone.
Buon pomeriggio!
Sugar Free ha detto…
@Morgana Lefay
Bene, spero che Carragh sappia incantarti!
Anche io mi sono dissociata totalmente dal comportamento di alcuni blogger che infestano la rete con post e commenti assurdi, ecco perché ho scritto la postilla.
Melinda Santilli ha detto…
Ho letto già questa autrice, ed è proprio brava. Ora non vedo l'ora di iniziare la saga "Fin de Siecle"!
La tua considerazione finale immagino bene cosa riguardi: di stupidi è pieno il mondo, purtroppo.
Di stupidi che seguono gli stupidi altrettanto.
Lucia ha detto…
Bella recensione! Conosco questo romanzo e mi piacerebbe leggerlo...Hai fatto benissimo a scrivere la postilla finale. Certa gente fa passare la voglia e la passione che ci mettiamo nello scrivere e parlare di libri. Sono con te e con gli altri scrittori e blogger che sono stati presi di mira. Ne approfitto per invitarti nel mio blog, anche se non so se già l'ho fatto, per un giveaway. Ti lascio il link:https://creatoridimondi.net/2018/09/16/evento-nuovo-banner-per-il-blog-creatori-di-mondi/ . Ti aspetto!
sinforosa c ha detto…
Deve essere una lettura piacevole. Grazie e buona serata.
sinforosa
Complimenti per la recensione.
Serena giornata.
Carragh Sheridan ha detto…
Grazie Sugar per la bella recensione, sono contenta che il libro ti sia piaciuto. Per quanto riguarda il tuo discorso sull'effetto alienazione che hanno i social sulle persone come vedi nel romanzo ho scelto di far arrivare ad Amelie una lettera scritta a mano e non una e-mail (so che è un po' fuori moda ma io lo trovo ancora romantico) e ti confido un piccolo segreto: anche io amo Parigi (e appena posso ci vado) ma credo che questo si capisca leggendo i miei romanzi. Ti mando un abbraccio e ti auguro un buon fine settimana. CS
Anke Agata Russo ha detto…
Lo segnalo a Giulia, lei adora i romance!
Olivia Hessen ha detto…
Romanticosissimo!!!
Carragh scrive sempre bene, non c'è che dire.

La postille finale so a chi è riferita e sono totalmente d'accordo con te.
Quella gente e chi li segue sono stupidi pagliacci che dovrebbero andare a spalar letame per diventare più umili.
Sugar Free ha detto…
@Melinda Santilli
Sugli stupidi del web, gli haters fastidiosi, ti do ragione.
Per Carragh, sono sicura che l'autrice sarà felice di sapere che apprezzi le sue opere!
Sugar Free ha detto…
@Lucia
E noi questa gente la dobbiamo ignorare, fare fronte comune e andare avanti con le nostre passioni, altrimenti loro vinceranno sempre.
Se leggerai questo romanzo, dimmi cosa ne pensi :-)
Sugar Free ha detto…
@Lucia (parte 2)
Perdonami, per colpa della scuola ho perso il tuo evento :-(
Sugar Free ha detto…
@sinforosa c
Se lo leggerai, penso che ti piacerà!
Sugar Free ha detto…
@Cavaliere oscuro del web
Grazie e buona giornata anche a te!
Sugar Free ha detto…
@Carragh Sheridan
Immaginavo tu amassi Parigi, si evince dall'amore che metti nel descrivere questa città.
Ti confesso: ho adorato l'idea della lettera scritta a mano, è romantica e reale rispetto ai social di oggi.
Bravissima e complimenti ancora per il romanzo!
Sugar Free ha detto…
@Anke Agata Russo
Segnala, segnala!
Sugar Free ha detto…
@Olivia Hessen
Sì, Carragh è molto talentuosa :-)

Per gli haters del web, sono d'accordissimo con te!

Post popolari in questo blog

Dragonfly: la prossima a morire

Complice la neve