Passa ai contenuti principali

L'amore brucia come zolfo




TITOLO: L’amore brucia come zolfo
AUTORE: Lucia Maria Collerone
GENERE: Storico
CASA EDITRICE: Indipendently published

TRAMA
L’opera è un romanzo storico ambientato nella città di Caltanissetta nel momento in cui essa è il centro mondiale dello zolfo e la grande storia dell’Indipendenza dell’Italia e dell’economia basata sull’estrazione dello zolfo fanno da sfondo alle vicende sociali e umane di due classi sociali: quelle degli zolfatari e delle loro donne, che lottano duramente per sopravvivere in condizioni di vita e di lavoro disumane e aberranti e dei nobili padroni delle miniere che gestiscono la ricchezza e governano le povere, disperate dei “diavoli della pirrera”. Molte storie s’intrecciano con il loro carico di sofferenza e umanità, esseri umani schiacciati dalla povertà assoluta e dalla disperazione, che si ergono a titani e non arretrano davanti al dolore, alla crudeltà del reale e rispondono alla vita con coraggio e forza sorprendenti. Ci sono uomini che le convenzioni sociali stigmatizzano e costringono in scelte di vita senza scampo, senza libertà. Protagonista è Cecilia eroina tragica che spicca prepotentemente per la sua bellezza d’animo, la sua capacità d’amore abnegazione per la famiglia, per la sua capacità di sognare oltre il reale e che accetta la prigionia di un amore dorato per sfuggire all’abbandono, alla solitudine, ai pregiudizi che la avvolgono in una comunità becera e incapace di condivisione, troppo oppressa dalle sofferenza di una vita meschina. Cecilia è sola in un mondo dove l’anello debole è la donna, dove quando una donna non ha un uomo a proteggerla essa può solo diventare una prostituta. La sua bellezza particolare, diversa, quasi regale e la sua furbizia arguta, nonché la sua intelligenza operosa, la rendono appetibile agli occhi del barone che lei incontra e seduce quando è poco più che una bambina. L’intreccio assorbe per il turbinio delle azioni, per il continuo cambio di azione e di situazione, per i capovolgimenti e gli eventi, che non coinvolgono solo Cecilia, ma tutto il mondo che è intorno a lei sia umano che storico. La scrittura è veloce e curata nei particolari, crea immagini vivide e forti che nella mente del lettore diventano come scene da un film. La storia narrata ha la sua fonte in una storia vera, realmente vissuta, i personaggi sono realmente esistiti e l’impianto della cornice è storicamente circostanziato e corrispondente al vero storico. Ciò che, invece, è frutto della creatività dell’autrice, è la ricostruzione della storia d’amore, che pur essendo realmente esistita, nel suo dispiegarsi e nell’evolvere dei fatti,è frutto della fantasia narrativa dell’autrice e della narrazione orale di chi è stato realmente a contatto con i protagonisti.

RECENSIONE
Non ho guardato il booktrailer, come sapete io detesto cordialmente qualsiasi tentativo di fare pubblicità ai libri con dei video: o si legge un libro, o si vede un film.
Quindi, come si dovrebbe fare, ho letto il libro senza anticipazioni e spoiler.
E allora, glielo diamo un calcio nel sedere a Giovanni Verga e ai suoi romanzi sfigati dove se non succedono disgrazie a profusione non va bene?!
La Collerone mi ha regalato una Sicilia stupenda, che non conoscevo, fatta di profumi, luoghi meravigliosi e atmosfere che incantano.
E la storia, poi, è molto ben raccontata.
Cecilia e il suo amore, il Barone, stretti in una morsa di odio, divergenze sociali e paura degna di “Romeo e Giulietta”, due persone che dovranno lottare con le unghie e con i denti e se volete sapere come finisce, ormai lo sapete, leggete il libro!
Lo stile è dettagliato, pulito, scorrevole e non ci si annoia mentre si leggono le avventure (o disavventure, dipende) dei protagonisti.
Ogni tanto si incontra qualche forma dialettale, ma ammetto che non mi ha creato difficoltà nel capire il senso della storia.
Mi è piaciuta l’attenzione che l’autrice ha prestato nella ricostruzione storica di una Caltanissetta ottocentesca che, seppure ovviamente io non ho mai visto, leggendo il libro mi sembrava di conoscere molto bene.

“Da chi pigliò?” ognuno chiedeva a sua madre e lei diventava come il fuoco, come il diavolo sotto i piedi di San Michele.
“Che ne so… dalla parte di suo padre! Nella mia famiglia non ce ne sono diavuli.” chiudeva con una voce frusta sua madre e le dava uno strattone.
Papà suo, invece, ogni volta che la guardava le diceva che era proprio una principessa sveva, che di sicuro nelle sue vene c’era sangue nobile, della casata di …e poi diceva un nome buffo, una cosa come oestaffen…tedesco diceva papà, che sapeva leggere e scrivere e conosceva tante cose.
Sua madre, allora, interveniva e gli diceva aspra:
“Non ci mettere fesserie per la testa, lei non è nata da una principessa e tu lo sai, è la figlia di un povero mischino surfataru, altro che principessa! Deve imparare a fare la serva, ecco cosa deve fare. E tu, principessa, prenditi la brocca e vai a prendere l’acqua e poi, svuota il rinale.”

GIUDIZIO
Da leggere!

Commenti

Benedetta Leoni ha detto…
Interessante e ottima recensione!
Il Mondo di SimiS ha detto…
Storia molto interessante, mi piacciono i libri storici, e poi la Sicilia è la mia terra.
L'unica cosa che non mi piace nei libri sono le forme dialettali... non le sopporto XD
Anch'io non condivido la geniale idea dei book trailer, secondo me non hanno senso! Immagini o pezzetti di altri film inseriti a cavolo... bho...
Sugar Free ha detto…
@Benedetta Leoni
Grazie :-)
Sugar Free ha detto…
@Il Mondo di SimiS
Sei siciliana?
Io sono altoatesina, siamo agli opposti :-)
Oh, evviva, qualcun altro che non ama i booktrailer, ti farò un monumento.
Tutti i temi che leggo nella parte in grassetto di questo tuo post-recensione mi attirano, non posso negarlo, il femminile che si ritrova nei due ruoli sociali oppressivi che il sistema misogino pretende per esso, una donna che combatte, che vive e nel vivere emerge la sua umanità, la tua recensione aggiunge ancora più curiosità verso il libro che mi appare come uno spaccato d'Italia che si focalizza su un periodo storico preciso.
Davvero interessante e bella la tua recensione.
Melinda Santilli ha detto…
Hai presentato e recensito un romanzo storico molto interessante, lo inserisco nella mia lista di future letture.
Ciao!
Sugar Free ha detto…
@Sciamanesimo Femminile
Ciao, benvenuta a bordo!
Grazie per il commento, molto profondo e sentito.
Ascolta, hai un blog dove posso seguirti anche io?
Baci!
Sugar Free ha detto…
@Melinda Santilli
Benissimo!
@ Sugar Free: si il mio blog eccolo: https://matriarcatoesciamanesimofemminile.blogspot.com/
Mi devi aggiungere dalla barra "Blog che seguo" del tuo blog cliccando su Elenco lettura e aggiungendo il link al mio blog.
Grazie mi fa piacere :-) ti auguro una buona giornata.
Sugar Free ha detto…
@Sciamanesino
Ok grazie, lo faccio subito :-)
Buonissima giornata!

Post popolari in questo blog

Il Gentilcane

Augustus