Passa ai contenuti principali

Un ragazzo normale




TITOLO: Un ragazzo normale
AUTORE: Lorenzo Marone
GENERE: Romanzo
PREZZO: 16,50 euro
PREZZO EBOOK: 9,99 euro
CASA EDITRICE: Feltrinelli

TRAMA
Per Domenico, Napoli è una sottospecie di Gotham City. Con una grande differenza: non ci sono eroi pronti a difendere gli abitanti, non c'è nessuno che si aggira per le strade a bordo di una Batmobile a caccia di criminali. Ci sono solo uomini normali, alcuni buoni e altri meno, alcuni pericolosi e altri determinati a costruire una città migliore e più sicura. Eppure lui agli eroi ci crede, ed è convinto che prima o poi uno si farà avanti.
Ha dodici anni, Domenico, detto Mimì. Vive nel quartiere del Vomero con la sua famiglia di sette persone – due genitori, due nonni, una sorella più grande e uno zio – in un bilocale di pochi metri quadrati dove puoi avere un po' di privacy solo se ti rinchiudi in bagno. Ma a lui va bene così, perché l'aria e la libertà le ha trovate nei libri di avventura e nei fumetti di supereroi che legge fin da piccolo e che gli hanno insegnato a sognare e a lasciare libera l'immaginazione. Ha tantissime passioni: ama cercare paroloni strani sul vocabolario da usare per far colpo sugli altri; ama le grandi imprese spaziali e gli uomini che le hanno compiute; ama le avventure di Jim Hawkins e la forza di volontà del ragazzino di Karate Kid; e ama Viola, la sua vicina di casa.
Nella sua vita tutto procede con tranquillità, senza colpi di scena o grandi cambiamenti. Fino al 1985. Mentre gli italiani trascorrono le serate guardando Pippo Baudo in tv e i napoletani festeggiano l'arrivo ufficiale di Maradona nel Napoli, Mimì incontra Sasà, un ragazzino che sogna di diventare un calciatore e che diventerà il suo più grande amico. Passeranno insieme giornate intere, giocheranno a pallone per strada, scopriranno il gusto di commettere piccole bravate e inizieranno a muovere i primi passi verso l’adolescenza.

RECENSIONE
Partiamo male, anzi malissimo solo col titolo. “Un ragazzo normale” è già discriminante, e questo non mi aiuta a leggere questo romanzo.
Doveva essere serio.
Dico doveva in quanto parlava indirettamente di Giancarlo Siani, giornalista ucciso dalla mafia nel 1985. Mimì doveva essere un narratore strumento per mettere in prima fila la vera figura protagonista del romanzo, cioè Siani.
Poi qualcosa tra l’intento e l’azione deve essersi persa e il risultato è un romanzo di una banalità assoluta, così piatto e poco sentito che ho fatto fatica a finire di leggerlo complice anche il fatto che sia scritto metà in italiano e metà in napoletano, e io non sopporto questo genere di scrittura dialettale quando è troppo abusata.
E dire che anche questo romanzo, come tanti altri che purtroppo non mi sono piaciuti, aveva ricevuto tantissime critiche positive (alcune persino da blogger che si autodefiniscono “di un certo spessore”)...
Fa niente.
Parliamo dello stile?
Anzitutto basta con questo “prima persona singolare, tempo indicativo presente”: ma che ca**o fai, scrivi mentre vivi l’azione? 
Sei un idiota o ci fai dentro?
Non mi è piaciuto perché occhieggia ad un’ironia forzata, socialmente corretta ma finto scorretta, con troppi dialettismi inseriti tanto per far sentire il lettore a Napoli e frasi fatte buttate lì ogni tanto.
Non parliamo poi dell'idea di sottofondo "gli italiani appoggiano tutti la mafia" (andate a pagina 142 del libro e leggete la frase su Ninni Cassarà, se non ci credete).
Cosa mi resta di questo libro?
La sensazione di aver buttato via tempo e soprattutto soldi.

“Mentre l’agente mi dà le spalle e continua la ricerca della chiave del portone, un gatto rosso che mi fissa dal tettuccio di un’auto mi ruba un sorriso malinconico. Di fronte a me svetta, silenzioso e immobile, il grande murale che parla di Giancarlo Siani, su quella parete che un tempo accoglieva anche il mio nome, il muro che ha visto tutto.”

GIUDIZIO
Assolutamente senza emozioni.


Commenti

Quindi, meglio evitarlo.
Saluti a presto.
Riccardo Giannini ha detto…
Anche Ofelia è della tua stessa opinione :). La sinossi è molto invitante, ma il fatto che abbia questi grossi difetti, tra cui le troppi parte in dialetto, mi spinge a non aggiungerlo al mio ebook :D
Riccardo Giannini ha detto…
Scusami, mi sembrava che la conoscessi, Ofelia è un'altra blogger, anche da lei ho letto la recensione di questo libro! Ciao cara
non l'ho letto ma condivido la critica sul fatto che Siani sia sullo sfondo e questo mi ferma dal pensare di leggerlo.
Sugar Free ha detto…
@Cavaliere oscuro del web
Esatto, almeno secondo me.
Saluti!
Sugar Free ha detto…
@Riccardo Giannini
Ofelia del blog "Ma dici a me" la frequento come blogger, però ammetto che fino a oggi non sapevo avesse letto anche lei questo libro e notato le stesse pecche!

Comunque, secondo me, se non lo leggi non ti perdi niente :-)
Benedetta Leoni ha detto…
Ciao, ottimo, un libro in meno per la mia lista, già piuttosto lunghetta!
Buona lettura ha detto…
Peccato per il libro allora.
Anke Agata Russo ha detto…
Noi 4 Nerds lo eviteremo come la peste, grazie per le tue recensioni sempre sincere!
Sugar Free ha detto…
@Benedetta Leoni
Sì guarda, non ti perdi nulla.
Sugar Free ha detto…
@Buona Lettura
Ma sì perché prometteva anche bene :-(
Sugar Free ha detto…
@Anke Agata Russo
Dovere!
Un abbraccio a tutti voi :-)

Post popolari in questo blog

L'amore brucia come zolfo

Super P e Magic Dog