Passa ai contenuti principali

La mia fuga da Facebook



 
TITOLO: La mia fuga da Facebook
AUTORE: Francesca A. Vanni
GENERE: Saggistica
PREZZO: /
PREZZO EBOOK: 2,49 euro
CASA EDITRICE: StreetLib Selfpublishing

TRAMA
“Il Web e i social network sono nati come spazio libero (libero, davvero: forse il primo nella storia davvero libero). Poi, non so quando, non so come, sono diventati terreno di biada del peggiore e più barbaro e più violento fascismo verbale (e non solo) .
Un giorno i nostri figli verranno a chiederci dove eravamo mentre un posto nato libero stava diventando il pascolo preferito dei fasci.
E quel giorno faremmo bene a dirgli che eravamo dalla parte giusta, ossia da un’altra.”
(Luciana Grosso)

Facebook è il social media più famoso nel mondo.
Ma cosa si cela realmente dietro al “magico mondo” di Facebook?
È tutto rose e fiori oppure si sta espandendo nel mondo del web(e anche fuori da esso) un silenzioso cancro che prima o poi ucciderà la nostra società?
In questo saggio Francesca A. Vanni cerca di indagare a fondo nella questione, tentando di spiegare perché è meglio andare controcorrente e non far parte del mondo di Facebook.

RECENSIONE
Oh, leggere questo saggio è stato come ricevere un pugno dritto nello stomaco e cercare di capire come e quando è arrivato.
Francesca A. Vanni, autrice di libri che ho già recensito e trovato molto belli, mi ha stupita con questo saggio.
In primis perché scrivere un saggio non è facile (ricordo ai profani della lettura che un saggio è completamente diverso da un romanzo, è un mondo con regole tutte sue) e lei ci è riuscita brillantemente.
In secondo luogo perché questo saggio/denuncia mi ha fatto aprire gli occhi (motivo per cui, signori, su fb non mi vedrete più se non per recensioni e segnalazioni) e comprendere in quale pericolosa ragnatela tutto il mondo mediatico e non si sta invischiando.
Una volta finito questo libro, la logica domanda è: cosa sto facendo, perché sono su quel social media?

“Facebook è così famoso soltanto perché è il social media più frequentato, con tutti i contro e i pochissimi pro del caso.
Facebook restituisce al mondo un’idea dell’individuo falsata e troppo spesso lesiva in termini di immagine pubblica, di rapporti professionali, sociali e anche umani.”

GIUDIZIO
Diretto e forte. Da leggere per aprire gli occhi.

Commenti

Anke Agata Russo ha detto…
Ho letto anche io questo saggio e mi ha ancora più convinta del fatto che ho scelto bene nel non iscrivermi a facebook.
Un abbraccione!
Francesca A. Vanni ha detto…
Grazie Penny, sono contenta che questo libro ti abbia aperto gli occhi su Facebook e i suoi pericoli.
Mi raccomando, se scegli di restare occupati solo della tua pagina e basta!
Baci.
Lucrezia Ruggeri ha detto…
Un saggio veramente bello, posso confermarlo!
Baci!!!!
Ofelia Deville ha detto…
Facebook, secondo me, dovrebbe essere chiuso.
L'autrice ha scritto un saggio più che mai attuale, come lo è la tua recensione.
Un saluto.
Un saggio quello di Francesca molto importante per far aprire gli occhi a tanti su quel mondo per larga parte malato.
Sugar Free ha detto…
@Anke Agata Russo
Riferirò all'autrice del tuo commento, grazie per essere passata :-)
Sugar Free ha detto…
@Francesca A. Vanni
Assolutamente sì, linko i miei post e poi fuori.
Baci
Sugar Free ha detto…
@Lucrezia Ruggeri
Sì è proprio fatto bene!!!
Sugar Free ha detto…
@Ofelia Deville
Grazie tesoro, un abbraccio.
Sugar Free ha detto…
@Daniele Verzetti
Sono perfettamente d'accordo con te.

Post popolari in questo blog

Berserkr

L’Imperatrice della Tredicesima Terra