Passa ai contenuti principali

Il cerchio



 
TITOLO: Il cerchio
AUTORE: Dave Eggers
GENERE: Fantascienza
PREZZO: 14,50 euro
PREZZO EBOOK:7,99 euro
CASA EDITRICE: Mondadori

TRAMA
Mae Holland crede di aver fatto il colpo della vita quando viene assunta al Cerchio, la più influente azienda nella gestione di informazioni web (un incrocio tra Facebook e Google). Il Cerchio si occupa di intrecciare tra loro i dati provenienti dalle mail, i social network, i conti bancari, in una società dove la trasparenza è sempre più una parola d'ordine a discapito della privacy. Inizialmente Mae è eccitata da tutto quanto riguarda il suo nuovo lavoro: gli open space avveniristici, le palestre e le piscine distribuite ai piani, la zona riposo con i materassi per chi si trovasse a passare la notte al lavoro, le feste organizzate e le gare sportive, i club e perfino un acquario con rarissimi pesci tropicali... Mae continua a considerarsi fortunata anche quando la vita al di fuori del Cerchio non è più altro che un miraggio lontano, anche quando un ex collega la incontra per farla riflettere su qualche operazione di cui le sfuggiva il senso, anche quando la sua stessa vita inizia a diventare sempre più pubblica, trasparente al mondo esterno. Presto quella che sembrava la storia delle idealiste ambizioni di una donna, diventa una storia di suspense, un'interrogazione a tutto campo sulle questioni della memoria, della privacy, della democrazia e dei limiti (valicabili o meno) per la conoscenza umana.

RECENSIONE
Perché ho comprato questo libro?
Me lo sono chiesta anche io, e non ero nemmeno a metà della storia.
Pensavo di aver trovato un buon romanzo distopico capace di far riflettere sul tema dei social network e della privacy, ma in realtà penso di aver trovato una delle opere più brutte nell’ambito della fantascienza contemporanea.
Ambientato sulla Terra, in un futuro presente, narra una storia non storia dove Mae Holland è la protagonista fittizia nel senso che non combina un bel niente per tutto il romanzo se non decidere di far parte di The Circle e diventarne la feroce ambasciatrice.
Una protagonista circondata da personaggi nebulosi, piatti, che spariscono come meteore e non trasmettono alcun messaggio.
L’unico elemento convincente del romanzo, almeno nella parte iniziale, è la sua credibile rappresentazione dell’elevatissimo tasso di cretinaggine presente nelle aziende americane 2.0 e della robaccia cosmica lì realizzata che viene spacciata come rivoluzionaria.
Nessuno degli innumerevoli temi di cui Eggers accenna, e che avrebbero meritato ben altro trattamento e approfondimento, viene gestito correttamente e tutto si riduce a qualche frase fatta poco convinta sull’importanza della privacy e sul diritto di farsi i fatti propri.
Nato vecchio, scritto male e tradotto pure peggio (ennesima riprova che grande casa editrice NON è sinonimo di qualità), “Il cerchio” lascia il tempo che trova e con la sua scivolata sulla buccia di banana mediatica si dimostra incapace di porre domande, suggerire risposte, intrattenere e far riflettere il lettore.
Parlando dello stile, anche qui è un disastro su tutta la linea.
Eggers usa una prosa piatta fatta dialoghi irrealistici e descrizioni superficiali: è questo il tipo di scrittura che non apprezzo e che può emozionare solo un lettore di basso livello, facendo risultare il tutto finto e poco credibile.

“Allora, in generale, tu diresti che ti comporti in modo diverso quando sai di essere osservata?”
“Certamente. È naturale.”

GIUDIZIO
Vade retro Eggers!

Commenti

Il tema della privacy è molto importante, mi fido dei tuoi giudizi.
Saluti a presto.
Sugar Free ha detto…
Grazie :-)
Un abbraccio!!!!
Ofelia Deville ha detto…
Ho visto il film e non mi è piaciuto, penso che a questo punto dopo la tua recensione mi risparmierò il libro.
Grazie!
Io ho visto un film "The Circle" e la trama sembra molto simile. Il film mi piacque, il libro non l'ho mai letto ma mi fido della tua recensione. Se il film nasce dal libro, forse il regista avrà saputo sviluppare meglio certe tematiche di grande rilevanza come appunto la privacy ed i dati sensibili.
Sugar Free ha detto…
@Ofelia Deville
Grazie a te per il commento!
Perché non vedo il mio commento uff al diavolo blogspot!
Buona lettura ha detto…
Davvero così disastroso?!
Sugar Free ha detto…
@Daniele Verzetti
Perché quel deficiente di Google lo aveva spammato :-(
Sugar Free ha detto…
@Buona Lettura
Pessimo!

Post popolari in questo blog

L'amore brucia come zolfo

Super P e Magic Dog