Passa ai contenuti principali

Un bacio in bocca




TITOLO: Un bacio in bocca
AUTORE: AA. VV.
GENERE: Narrativa, Antologia
CASA EDITRICE: Longanesi

TRAMA
Che cos’è la passione? Un’inclinazione dell’animo che può essere controllata o un impulso senza legge?
Questa antologia prova a rispondere a una domanda tanto difficile quanto importante, mettendo in campo i sentimenti più diversi – odio, amore, devozione, paura, attrazione – nella convinzione che solo la letteratura possa cogliere le sfumature più nascoste e impercettibili dell’animo umano. Ad essere coinvolti sono stati sedici scrittori italiani tra i più interessanti nel panorama attuale, autori dalla personalità diversissima che hanno raccontato la passione ciascuno con la propria sensibilità e il proprio stile.
Dosando sapientemente ironia e romanticismo, tensione drammatica ed eros (come suggerisce il titolo stesso dell’antologia, curata da Giorgio Nisini), Un bacio in bocca racconta di amori destinati a finire alle prime luci dell’alba e che invece avranno un seguito inaspettato; di amori nati da una piccola, innocente bugia; di amori che sembrano spariti, sepolti sotto la noia del quotidiano, ma che si risvegliano di colpo, in modo del tutto inatteso. E molto altro ancora...

RECENSIONE
Non so mai cosa mi capita quando una casa editrice mi invia un libro da leggere, è un terno al lotto.
A volte va bene, a volte no.
Questa volta è andata male, anzi malissimo.
Il libro sembrava avere tutte le carte in regola per essere una bella lettura, con “grandi nomi” della letteratura italiana contemporanea  come Valentina D’Urbano, Lorenzo Marone, Simona Sparaco, Giorgio Nisini e ancora tanti altri.
Gente che a mio parere, a prescindere dai gusti personali dei lettori, non fa comunque parte dell’olimpo dei grandi narratori contemporanei.
Lorenzo Marone non è di certo Andrea Camilleri, giusto per fare un esempio.
Il libro è noioso, sembra una raccolta di racconti scritti “tanto per”, come i compiti che si fanno a scuola senza un grande entusiasmo.
Si poteva fare meglio?
Senza dubbio.

“Buongiorno sono Francesco Zazzi detto Franz e su suggerimento del mio caro amico nonché ex compagno di banco Giuseppe Culicchia (lo scrittore, se per caso non aveste letto niente di suo vergognatevi e informatevi su Google) che mi conosce e Vi conosce Vi invio questo mio cazzo di Curriculum Vite nella speranza – ma anche nella certezza – che possiate prendere in considerazione l’eventualità di una mia collaborazione per il Vostro Pregiatissimo Festival sulla Democrazia, ah ah ah, in questa vostra ridente cittadina medievale, che però diventerà un Festival Dei Miei Coglioni se al contrario non la prenderete. Tenete presente che viaggio con due pallottole in corpo. UAH!!!”

GIUDIZIO
Noioso.


Post popolari in questo blog

È solo amore

TITOLO : È solo amore AUTORE : Artemide Waleys GENERE : Narrativa contemporanea, LGBT CASA EDITRICE : StreetLib Selfpublishing TRAMA Arrivato a quarant’anni il professor Cole Davis ha una vita e un matrimonio perfetti... Almeno all’apparenza, perché da quando il suo nuovo assistente Nate è entrato nella sua vita tutte le sue certezze sono state minate. Chi scegliere? Dylan, l’uomo che ha sposato e che ama da sempre? Nate? Oppure tutti e due? Scopritelo leggendo il romantico racconto di Artemide Waleys: “È solo amore” vi aspetta! RECENSIONE Quello che forse mi piace di più di Artemide Waleys è la sua capacità di cimentarsi con temi e scenari diversi, di sperimentare senza timore. Questa volta ha deciso di tentare con un threesome ovvero una storia a tre. Eccoci quindi a New Haven, per chi non lo sapesse è la cittadina dove sorge l’università di Yale, dove il professor Cole è alle prese con un bel problema: ama tanto suo marito Dylan quanto il

Una scrittrice da dimenticare: Anna Piediscalzi

Ci sono scrittori seri e scrittori poco professionali. Oggi vi parlerò di una di questi, Anna Piediscalzi autrice dei libri “I racconti di Sharazan”.   Ciò che penso dei libri, che mi sono stati gentilmente inviati dalla CE Feltrinelli per essere letti e recensiti, lo trovate nel mio post datato 8 giugno 2018 . È una recensione positiva? No e io non ho mai fatto mistero di fare sia recensioni positive che negative, tutte concretamente motivate: è scritto da sempre nella mia pagina di presentazione e da oggi per coloro che hanno difficoltà a usare il mouse lo potrete leggere anche nella colonna gadget del blog. Cosa fa questa signora? Non viene sul mio blog a domandarmi motivo della mia recensione (e nemmeno avrei dovuto fornirglielo, volendo). Lascia invece correre ben quattro mesi e quando gli 000 del web (quelli che ormai da tempo vanno in giro per la rete a straparlare di complotti) le danno “la dritta” allora scrive un post e mi insulta dandomi della psi

Racconti di vita quotidiana

  TITOLO : Racconti di vita quotidiana AUTORE : Stefano Gambelli GENERE : Romanzo, Biografia CASA EDITRICE : Pluriversum edizioni TRAMA Un libro con un titolo dal sapore familiare: l’autore presenta una serie di racconti di vita quotidiana sullo sfondo della mitica amabile Siena, con i suoi monumenti, la sua storia, le sue usanze, la sua gastronomia, in un affresco sublime e caratteristico. Il linguaggio è semplice, eppure in grado di riconsegnare vicende e riflessioni profonde che s’intrecciano con maestria narrativa alle illustrazioni disseminate nel testo che accompagnano piacevolmente la lettura. RECENSIONE Questo libro non è un romanzo. Lo sottolineo per evitare equivoci che potrebbero sorgere, visto che nei negozi internet è stato classificato come opera di narrativa. Non è un romanzo, ma un diario. Un diario fatto di piccoli, brevi momenti, alla scoperta di luoghi e ricordi della tradizione ma anche della vita dell’autore che vuole accompagnarci