Passa ai contenuti principali

La strega della fonte



 
TITOLO: La strega della fonte
AUTORE: Sabrina Guaragno
GENERE: Fantasy
CASA EDITRICE: Nativi digitali

TRAMA
"Vedo le sue labbra incresparsi in un sorriso inquietante, e un brivido di freddo mi scende lungo la schiena. Capisco che sta per correre da come tende la schiena e le braccia davanti a sé, ed entrambe iniziamo la nostra reciproca corsa verso la vittoria".

Alaisa, una ragazza umile ma determinata, è pronta per partire per il viaggio più importante della sua vita, con l'obiettivo di raggiungere la dimora della famosa Strega della Fonte e diventare sua apprendista: il suo sogno fin da bambina!
Quello che Alaisa non sa, è che la magia conferisce grandi poteri, e per padroneggiarla al meglio è prima necessario fare i conti con le proprie aspirazioni e le proprie paure.
Il mondo segreto delle Streghe offre molte opportunità, ma anche molti rischi e ombre... tra tutti i nuovi intriganti personaggi che conoscerà, riuscirà a capire di chi potrà fidarsi, e da chi dovrà difendere tutto ciò che le è più caro?
Con "La strega della fonte" Sabrina Guaragno ci porta in un nuovo universo Fantasy intricato e affascinante, in cui le atmosfere romantiche si mischiano ad altre cupe e inquietanti. E dove il potere della magia permette a maghi e streghe di realizzare i loro sogni, ma anche il manifestarsi di veri e propri incubi...

RECENSIONE
Benvenuti in un mondo pieno di magia, dove per diventare mago o strega occorre diventare allievi della misteriosa Strega della Fonte e partire per un lungo viaggio come membro dell’eletta schiera dei Candidati.
Insieme alla protagonista Alasia troviamo Lill, Edeny, Ethas (il solo ragazzo), sua sorella Sayris e tanti altri personaggi che rendono la narrazione ben sostenuta, piena di ritmo e vivace.
Essendo il primo capitolo di una saga nuova, questo libro ha il difetto di essere un po’ lento nella prima parte ma è necessario per conoscere le dinamiche dei personaggi e comprendere quali saranno le future alleanze e i futuri contrasti.
Il libro si interrompe con un colpo di scena inaspettato, invogliando così il lettore ad aspettare l’uscita del prossimo volume.
Cosa ne penso?
Lo stile mi piace, è fresco, senza fronzoli, scorre bene.
C’è del romanticismo ma per fortuna non abbonda, anzi sono molte di più le scene nelle quali i ragazzi dovranno mettersi alla prova e mostrare tutto il loro coraggio per salvarsi la vita e procedere nel viaggio.
L’unico neo, ma chi mi conosce sa che questa è solo un’opinione personale, è che anche questa volta mi è capitato l’ennesimo libro scritto in prima persona, al tempo presente.
Voglio la narrazione vecchia scuola!

GIUDIZIO
Un buon inizio, ma si può migliorare.

Post popolari in questo blog

Una scrittrice da dimenticare: Anna Piediscalzi

I fuochi di Albion