Passa ai contenuti principali

Tutto o niente – Un gioco rischioso vol.3



 
TITOLO: Tutto o niente – Un gioco rischioso vol.3
AUTORE: Mary Fisher
GENERE: Azione, LGBT, Narrativa Contemporanea
PREZZO: /
PREZZO EBOOK: 1,99 euro
CASA EDITRICE: StreetLib Selfpublishing

TRAMA
Ora che Dylan è sceso a patti con il passato e sta cercando di ricostruire una nuova vita insieme al suo compagno Joel, un’altra minaccia sconvolgerà la sua vita.
Si tratta del Marsigliese, un individuo crudele che gli sottrarrà quanto ha di più prezioso: Joel.
Ma questa volta Dylan deciderà di giocare senza esclusione di colpi.
Sarà tutto o niente, nell’ultimo racconto della serie “Un gioco rischioso”, nato dalla fantasia delle autrici meglio note come Mary Fisher.

RECENSIONE
E così finisce la trilogia del collettivo di autrici Mary Fisher, composta già dai due volumi “Il gatto e il topo” e “L’enigma di Dylan”.
Mi è piaciuto quest’ultimo capitolo?
In definitiva sì.
Anzitutto perché lo stile funziona sempre, gestendo bene l’azione e la narrazione, poi perché mi è piaciuta la figura sinistra del Marsigliese e anche il ritorno di uno dei miei personaggi preferiti che erano apparsi nel secondo racconto.
Detto questo, ci sono delle scene “forti” nel racconto ma anche se non mi sono piaciute moltissimo devo ammettere che servivano per la conduzione della storia quindi va bene, questa volta ci stavano, anche se spero di non trovare più scene di questo tipo nelle opere di questo collettivo di autrici.
E ora aspetterò di vedere se pubblicheranno altre storie...

“Dylan si svegliò all’improvviso, il cuore che martellava impazzito nel petto e la fronte imperlata di sudore freddo.
Si voltò istintivamente verso la parte del letto dove di solito riposava Joel, per poi ricordarsi subito che era vuota.
Da un paio di settimane il suo uomo si trovava in missione con Ted, da qualche parte in Europa.
Dylan si sfregò gli occhi col dorso della mano e guardò la sveglia che si trovava sul comodino.
Erano le tre del mattino e il sonno se ne era andato.”

GIUDIZIO
Non male!

Commenti

Utili consigli per una buona lettura.
Sereno pomeriggio.
Sugar Free ha detto…
@Cavaliere oscuro del web
Anche a te!
Claudia Turchiarulo ha detto…
Ma che sono questi libri???
Ai miei tempi si leggeva molto di meglio.
Mai sentito nominare, ad esempio, "Il nome della rosa"?
Ahahaha
Scherzo.
La geriatria riguarderà anche te. Ed io ti aspetterò sulla sponda del fiume.
Ihihih
Buon fine settimana, va!
Riccardo Giannini ha detto…
Ciao cara,
dove è ambientata la storia?
fperale ha detto…
Pensa che per un attimo ho pensato al fil Tutto tutto niente niente, con Antonio Albanese :D Lo so sono contorto
Ofelia Deville ha detto…
Grazie per le tue recensioni sempre puntuali!
Sugar Free ha detto…
@Claudia Turchiarulo
Ma ai tuoi tempi si leggeva? Pensavo ci fossero ancora le incisioni su pietra :-)
In ogni caso il libro fa parte di una trilogia gau molto interessante, dove azione e romanticismo si mescolano bene.
Solo che, come dico spesso, i libri LGBT non sono per tutti quindi se uno si sente a disagio può anche non leggerli che non succede niente.
Sugar Free ha detto…
@Riccardo Giannini
In questo caso quasi tutta in Francia, ma gli altri due sono ambientati a Washington DC.
Claudia Turchiarulo ha detto…
Ma ti stavo sfottendo!!
Figurati se mi crea disagio una storia omosessuale.
L'amore é bello di qualsiasi natura.
E sì, ai miei tempi esistevano già i libri, ma erano gialli e di carta riciclata. 😜😜
Sugar Free ha detto…
@fperale
Bellissimo film ;-)
Sugar Free ha detto…
@Ofelia Deville
Grazie a te per il commento :-)
Sugar Free ha detto…
@Claudia Turchiarulo
Anche io ti stavo sfottendo sull'età della pietra!
Non sapevo che avessi già letto libri LGBT: meno male, almeno c'è qualcun altro dalla mentalità aperta.
Grande!!!

ps: oh mamma, c'era già la carta ai tuoi tempi! (ok, ora mi picchi!)
Un libro è da prendere se interessante e scritto bene. Il resto non conta.
Sugar Free ha detto…
@Daniele Verzetti
Fossero tutti come te, avremmo un paese pieno di gente che legge :-)
Grazie del commento!
Amanda Manganini ha detto…
Prima di esprime un giudizio su un libro sarebbe meglio leggerlo, solo dopo si potrà dire se ci è piaciuto oppure no, farlo prima ancora di averlo letto è pregiudizievole.
Sugar Free ha detto…
@Amanda Manganini
Esatto!

Post popolari in questo blog

Lunga vita al Re

Un gatto randagio ma non troppo