Passa ai contenuti principali

I signori dei Sith




TITOLO: I signori dei Sith
AUTORE: Paul S. Kemp
GENERE: Fantascienza
PREZZO: 19,90 euro
PREZZO EBOOK: 9,49 euro (solo in inglese)
CASA EDITRICE: Multiplayer Edizioni

TRAMA
Sul pianeta Ryloth, risorsa cruciale dell’Impero per i suoi schiavi e per la droga chiamata “spezia”, è sorto un forte movimento di resistenza guidato da Cham Syndulla, un combattente idealista, e da Isval, una ex schiava desiderosa di vendetta. L’imperatore Palpatine, comunque, non intende rinunciare a quel mondo, costi quel che costi, e nessuno può osare intimidirlo o sfidarlo. Accompagnato dal suo spietato discepolo Darth Vader, affronterà la missione personalmente, per assicurarsi che tutto vada secondo i suoi piani.
Syndulla e Isval avranno l’opportunità di colpire al cuore la mostruosa tirannia che sta sconvolgendo la galassia. Per l’Imperatore e Darth Vader, invece, Ryloth diventerà qualcosa di più che un pianeta su cui sedare un’insurrezione: quando un’imboscata li costringerà a un atterraggio di fortuna in un territorio inospitale, dove li attendono i combattenti della resistenza, i due Sith dovranno mettere veramente alla prova il loro legame. Armati soltanto delle loro spade laser e del Lato Oscuro della Forza, e potendo contare solo l’uno sull’altro, Maestro e discepolo dovranno decidere se quel legame brutale li renderà alleati vittoriosi o avversari mortali.

RECENSIONE
Paul S. Kemp è sempre una garanzia.
Autore di altri romanzi legati alla saga di Star Wars, oltre che di una nota serie di libri fantasy, ha uno stile accattivante, sa come gestire i personaggi e il ritmo dei suoi libri è sempre incalzante.
Anche con questo romanzo centra in pieno l’obiettivo.
Gli ingredienti di un’ottima storia ci sono tutti: Vader e l’Imperatore si trovano su Ryloth (non tanto per caso) e mettono alla prova il loro legame apprendista/maestro lottando contro Cham, Isval e la loro squadra di Twi Lek che non vogliono stare né con l’Impero, né con la Ribellione che sta nascendo.
Dall’altra parte abbiamo Moff Mors, una donna all’apparenza insensibile e sorda a qualsiasi sentimento ma in realtà molto più profonda e complessa di quanto sembri, e il corrotto vice comandante Belkor Dray.
Non svelo il finale, poiché basta conoscere la saga per immaginare come termini questo libro situato fra Episodio III e IV.
Cosa c’è dunque che non va?
Personalmente non ho apprezzato l’idea della “spezia”, che richiama troppo banalmente l’opera “Dune” di Frank Herbert, né gli scarsi riferimenti (a volte errati, poiché secondo il filone classico Vader non ha mai avuto apprendisti. Ashoka è un’invenzione della serie animata, senza la quale si sta benissimo) al passato di Vader. Avrei apprezzato più pensieri in merito a Padmé e Obi Wan.
Avrei anche apprezzato maggiori approfondimenti su Moff Mors: finalmente un personaggio lesbico e poi niente, c’è solo un minuscolo accenno al fatto che era sposata con un’altra donna.
Fa niente, questi sono pensieri personali.
Ciò che funziona male è la traduzione.
Ho letto prima la versione in inglese e poi quella italiana, nutrendo grandi speranze.
Speranze che sono state disilluse da aggettivi che ridondano, periodi affrettati, verbi scritti male come “zumare” (a parte che semmai si scrive “zoomare”, ma fa schifo usare un bellissimo “ingrandire l’immagine”?) e dulcis in fundo l’uso sbagliato di “quello/a”.
Come si possono tradurre delle frasi con “disse quello” oppure “Vader e quello” (riferito all’Imperatore, che vi fulmini tutti!) o ancora “l’Imperatore, rivolgendosi a quella” (il “lei” non andava bene. Oppure, ancora meglio, usare il nome del personaggio?) ?
Si perde la poesia dell’italiano, la bellezza di una traduzione fatta come si deve.
E questo, mi dispiace, fa perdere punti al libro che secondo me merita un “ni, leggere senza grandi aspettative” e non un bel “sì, si può leggere con piacere”.

GIUDIZIO
Peccato davvero per la traduzione.

Commenti

Ofelia Deville ha detto…
Ottima recensione.
concordo con te la traduzione nei libri stranieri è tutto perché se il traduttore non sa rendere anche certi giochi di parole della lingua madre dello scrittore o come in questo caso, quasi manifesta una fretta nel tradurre dei termini e delle frasi, purtroppo il lettore italiano che non può leggere il libro in lingua originale riceve un serio nocumento e non si fa l'idea giusta del libro che ha letto. Baci.
Sugar Free ha detto…
Grazie!!!!!!
Sugar Free ha detto…
Esatto, come accade coi fumetti!
Io parlo inglese e va bene, ma chi non può?
E chi magari ha difficoltà e preferisce comunque leggere in italiano?
Poi, visto i prezzi di questi libri, un po' di attenzione in più alla traduzione sarebbe d'obbligo.
Baci!

Post popolari in questo blog

Ricominciamo da noi

Professionalità nelle recensioni