Passa ai contenuti principali

IT



 
TITOLO: IT
AUTORE: Stephen King
GENERE: Horror
PREZZO: 12,90 euro
PREZZO EBOOK: 6,99 euro
CASA EDITRICE: Sperling & Kupfer

TRAMA
In una giornata d’autunno, a Derry, nel Maine, una terribile alluvione colpisce la città allagandone le strade. 
Per il piccolo Georgie Denbrough è l’occasione ideale per provare la barchetta di carta che gli ha costruito il fratello Bill. 
Georgie esce nella pioggia, con il suo impermeabile giallo, e si diverte a seguire la barchetta nei canali di scolo delle strade della sua città.
Durante il percorso, la barchetta finisce accidentalmente in un tombino e Georgie si china per riprenderla.
Due occhi azzurri, una grossa bocca rossa e una testa a forma d’uovo con buffi ciuffi di capelli sui lati si presentano al bambino dalle fogne di Derry. 
Lì sotto c’è un simpatico clown che, presentatosi come Pennywise, offre al piccolo un palloncino e la sua barchetta.

RECENSIONE
La prima volta che lessi IT andavo alle medie e non capii molto del libro, se non che era pieno di descrizioni e se dico pieno intendo dire totalmente farcito di descrizioni minute all’inverosimile.
Piantai il libro alla prima apparizione di Pennywise, più che altro perché i clown mi fanno rizzare i capelli dritti in testa.
Ma l’anno scorso, quando seppi che sarebbe uscito il film (atteso per settembre di quest’anno) ripresi in mano il libro e mi dissi “ora o mai più”.
Così tornai a Derry, nel Maine, insieme a Bill e ai suoi amici ad esplorare i Barrens e trovarmi di fronte al male.
Cos’è il male?
Direi che questa è la vera domanda del libro. Cos’è il male, cos’è il bene? Cosa li differenzia?
Cosa differenzia IT da una Tartaruga?
In questo romanzo costruito a episodi che alternano passato e presente, Stephen King ha voluto rappresentare non tanto il male e il bene assoluti, quanto una visione del male e del bene che appartengono a tutti e per questo sono ancora più intensi.
Il fatto che IT non abbia mai una forma precisa (anche se spesso sceglie di farsi vedere nei panni del clown Pennywise) indica che in ciascuna persona può nascondersi il male e per questo ci vuole sempre qualcuno che si alzi pronto a combatterlo, con l’arma più potente che ha a sua disposizione.
Qual è quest’arma?
A voi scoprilo, leggendo il libro più bello che Stephen King abbia mai scritto dove nulla, nemmeno la più lunga e dettagliata recensione, è lasciata al caso.

“Il terrore che sarebbe durato per ventotto anni, ma forse anche di più, ebbe inizio, per quel che mi è dato sapere e narrare, con una barchetta di carta di giornale che scendeva lungo un marciapiede in un rivolo gonfio di pioggia.”

GIUDIZIO
Consigliato!


Commenti

Artemide Waleys ha detto…
Ciao Sugar Free, ho trovato su fb il link al tuo blog e così eccomi qui.
Sono Jacopo, gestisco il blog di una scrittrice inglese e traduco libri.
IT è semplicemente strepitoso, un viaggio nell'inconscio e ogni volta che lo rileggo trovo sempre cose nuove.
Bella recensione, si vede che ami leggere.
Ciao bimba, al prossimo post!
Jacopo.

Post popolari in questo blog

Io prima di te + Dopo di te

Liberi i miei versi